HOME - MAPPA DEL SITO - - RICERCA  

Voci e storie della Resistenza

Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara, Accademia Belle Arti Bologna, A.N.P.I. Bologna

 La Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio di Bologna sposa il progetto di Accademia di Belle Arti e ANPI Bologna, Segni di Resistenza, esponendo sei opere di giovani artisti dedicate al ruolo delle donne nella produzione e diffusione della stampa clandestina

Voci e storie della Resistenza: otto giovani artisti interpretano il ruolo delle donne nella stampa clandestina

Presentazione venerdì 8 marzo 2019, ore 16

Con Cristina Ambrosini, Mili Romano, Anna Cocchi, Jadranka Bentini, Mauria Bergonzini e i giovani artisti Sara Ayesa, Alessandra Carta, Beatrice Caruso, Matteo Alessandro D'Antona, Ana Ferriols Montanana, Elisa Perrone, Gabriella Presutto e Margherita Tony Raponi

Salone d'Onore di Palazzo Dall’Armi Marescalchi
via IV Novembre n. 5
Bologna

L’esposizione proseguirà fino al 29 marzo 2019 negli orari di apertura della soprintendenza
(lunedì – venerdì  9 - 13)
Info 051 6451311   sabap-bo@beniculturali.it 

http://www.archeobologna.beniculturali.it/mostre/bo_8_marzo_2019_donne.htm

 storie della Resistenza
Particolare del primo numero del periodico La Voce delle Donne del 20 dicembre 1944 testimonianza dell'impegno dei Gruppi di difesa della donna

Segni di Resistenza nasce da una collaborazione fra Accademia di Belle Arti e ANPI Bologna ed è curato da Mili Romano e Gino Giannuzzi.

Il progetto, presentato al pubblico il 5 dicembre 2018 e allestito nelle sale dell’Ex-refettorio delle monache, Convento di San Mattia all’Istituto Parri fino al 27 gennaio, si è esteso alla città nei giorni di Arte Fiera con l’installazione in 12 biblioteche dell’area metropolitana bolognese di sei cartelli stradali realizzati da Matteo Alessandro D’Antona, Ana Ferriols Montanana e Sara Ayesa, e sarà operativo fino a giugno 2019 con altri interventi artistici, ulteriori appuntamenti e sempre nuove adesioni e coinvolgimenti.

Segni di Resistenza vanta il patrocinio di Regione Emilia-Romagna Assemblea Legislativa, Comune di Bologna, Liberazione di Bologna, Istituzione Biblioteche Bologna, Museo della Resistenza di Bologna e Comune di Pianoro.

I sei cartelli della segnaletica stradale sono stati realizzati con il sostegno della ditta CIMS di Castel Guelfo (BO)

Le istituzioni che hanno aderito al progetto sono Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara, Centro civico quartiere Porto Saragozza, Centro civico quartiere Santo Stefano, Centro civico quartiere San Donato, Gruppo Speleologico Bolognese-Unione Speleologica Bolognese e Museo di Porta Lame,  Comune di Pianoro, Associazione Orlando e Associazione Giardino Lavinia Fontana. Le biblioteche che hanno aderito al progetto sono Archiginnasio, Cesare Malservisi, Casa di Khaoula, J.L.Borges, Luigi Spina, Oriano Tassinari Clò, Scandellara, Roberto Ruffilli, Natalia Ginzburg, Borgo Panigale, Orlando Pezzoli, Silvio Mucini (Pianoro) e Biblioteca Nazionale delle Donne.